home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 09:47

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Luglio-Settembre/2016 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Il mondo del lavoro
Contratto di lavoro : efficacia nel tempo
di Giancarlo Laino


Come ogni altro contratto, il CCNL di diritto comune prevede normalmente una decorrenza e una scadenza conformemente al contenuto delle intese raggiunte al riguardo dalle parti stipulanti, che possono anche attribuire efficacia retroattiva ad alcune pattuizioni o all’intero strumento contrattuale.
In genere i contratti collettivi contengono una clausola di rinnovo tacito qualora nessuna delle parti abbia comunicato la disdetta con le formalità e nei termini stabiliti. In caso di disdetta è altresì comune la previsione di una clausola di ultrattività , in forza della quale il contratto disdettato resta in vigore fino a quando non venga sostituito da un nuovo contratto collettivo.
In assenza della ricordata clausola di ultrattività, il contratto collettivo non è invece produttivo di effetti dopo la data di scadenza in quanto non sussiste nel nostro ordinamento un criterio di ultrattività legale come quello desumibile dall’art.2074 c.c. con riferimento all’ordinamento corporativo.
Sul punto la Corte di cassazione ha affermato il seguente principio di diritto: alla scadenza prevista del contratto collettivo regolarmente disdettato, non è applicabile la disciplina di cui all’art.2074 c.c. o comunque una regola legale di ultrattività del contratto medesimo ed i rapporti di lavoro fin qui regolati da quel contratto collettivo restano disciplinati dalle norme di legge e da quelle convenzionali eventualmente esistenti, le quali ultime possono manifestarsi anche per comportamenti concludenti, con la prosecuzione dell’applicazione delle norme precedenti, come del resto generalmente avviene nella prassi delle relazioni industriali.
Il potere di disdetta del contratto collettivo nazionale di lavoro compete esclusivamente ai sindacati stipulanti e non può essere esercitato dai singoli datori di lavoro, pur se accompagnato da un congruo termine di preavviso. Il recesso unilaterale non è consentito neanche quando il datore di lavoro adduca l’eccessiva onerosità del contratto collettivo medesimo, ai sensi dell’art. 1467 c.c., conseguente ad una situazione di difficoltà economica.
Alla luce di questo principio , al datore di lavoro che intenda liberarsi dall’obbligo di applicare il contratto collettivo di categoria senza attendere la scadenza naturale, si offre l’alternativa di risolvere il rapporto associativo da cui discende l’efficacia vincolante del contratto, se l’impresa è iscritta all’associazione imprenditoriale stipulante.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari