home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Domenica, 31/05/2020 - 05:08

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
ottobre-dicembre/2016 - Interviste
Società
L’intervista
di a cura di Michele Turazza

Dottor Chirico, quando e come nasce l’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori (Oscad)?
L’Oscad nasce nel settembre del 2010 dopo l’ennesima estate terribile dovuta a una serie di aggressioni a persone omosessuali, in particolare a Roma, ma non solo. I rappresentanti di alcune associazioni lgbt decisero quindi di indirizzare una richiesta di aiuto all’allora Capo della Polizia, prefetto Manganelli, il quale nel giro di poco tempo, con un atto amministrativo, istituì l’Osservatorio, che attualmente è presieduto dal vice direttore generale della Pubblica sicurezza, direttore centrale della Polizia criminale, prefetto Cufalo.
Come è strutturato e che obiettivi si pone?
Si tratta di un Osservatorio interforze, cioè composto da rappresentanti sia della Polizia di Stato sia dell’Arma dei Carabinieri, Forze a competenza generale, le quali statisticamente sono quelle che trattano la stragrande maggioranza dei reati a matrice discriminatoria. L’Oscad nasce sull’input delle associazioni lgbt, ma da subito si occupa di tutti gli ambiti di discriminazione, e il suo obiettivo principale è quello di migliorare la qualità della risposta nella prevenzione e nel contrasto dei crimini d’odio. Uno dei fenomeni che è causa di maggiore problematicità nel contrasto ai crimini d’odio è infatti l’under reporting, ossia vengono poco denunciati: si vede soltanto la punta dell’iceberg. Le vittime vulnerabili che subiscono atti discriminatori tendono a non denunciare, per moltissimi motivi, uno dei quali può consistere anche nella scarsa fiducia che nutrono nei confronti delle Forze di polizia.
Come può contattarvi una persona vittima di discriminazioni e in cosa consiste il vostro intervento?
In alcuni Paesi sono state adottate politiche particolarmente efficaci (ad esempio denunce anonime, denunce online, denuncia della “terza parte”, come può essere un’associazione che denuncia il reato per conto della vittima). ... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari