home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 13:15

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Marzo/2017 - SOLO ON LINE SU POLIZIA E DEMOCRAZIA
Lo Stato Sociale
di Giancarlo Laino

Negli ultimi decenni lo stato sociale è entrato in crisi in quasi tutta Europa e ha avuto bisogno di riforme anche drastiche. Il problema principale è la sua sostenibilità economica, in quanto l’allungamento della vita media, grazie ai progressi della società e della medicina, ha aumentato le spese sanitarie e pensionistiche.
Inoltre, i processi di globalizzazione hanno messo in competizione con l’Europa paesi con un basso costo della manodopera e con poche spese di welfare, specie nelle industria a bassa tecnologia accentuando le difficoltà economiche.

Inoltre negli anni 80 si è diffusa un’ideologia neo-liberista tendenzialmente contraria agli interventi dello stato a favore del welfare. Secondo i neoliberisti, il welfare è uno fattore che incentiva l'’assistenzialismo, cioè l'abitudine della gente a essere assistita dallo stato. Secondo loro, invece, bisogna stimolare l'iniziativa individuale che fa emergere il merito e le capacità, secondo le regole del mercato, e ognuno deve essere responsabile della sua di vita senza aiuti di nessuno.

In Italia la situazione si presenta ancora più grave perché il paese deve affrontare un debito pubblico diventato sempre più pesante e che stava aumentando, negli anni 80, in
maniera esponenziale superando di molto il valore del PIL(prodotto interno lordo) annuale.

Le tensioni sono diventate drammatiche nel 1992: la liraè dovuta uscire dallo Sme (Sistema Monetario Europeo, l’antenato dell’Euro) ed ha avuto una svalutazione di circa il 20% sulle altre monete. E’ stata attuata una politica di rigore. Questi drastici provvedimenti hanno permesso l’inizio del risanamento economico con forti riforme al welfare: aumento dell’età pensionabile, abolizione di privilegi, limitazione delle pensioni di anzianità, ticket per le prestazioni sanitarie. L’inizio del risanamento ha inoltre permesso all’Italia di entrare, assieme alle altre potenze europee, nell’euro, moneta forte e garantita.
Sicuramente si va verso un futuro in cui i cittadini sono meno garantiti dallo stato sociale. Questo può essere un problema, specie per i giovani che si vedono meno tutelati, non
solo dalle limitazioni del welfare, ma anche da contratti di lavoro sempre più precari e privi di sicurezze.

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari