home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 09:22

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Aprile - Maggio/2017 - Mondo Poliziotto
Dap
Il bon-ton entra in carcere - Il testo integrale della circolare
di Il Capo del Dipartimento - Santi Consolo

Ministero della Giustizia - Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria - Direzione Generale dei Detenuti e del Trattamento

Lettera Circolare
Ai Signori Provveditori Regionali
Ai Signori Direttori degli Istituti penitenziari
Loro Sedi

Ai Signori Direttori Generali
Alla Direzione Generale del Personale e delle Risorse
Servizio Informatico Penitenziario - Sede

OGGETTO: Ridenominazioni corrette di talune figure professionali ed altro in ambito penitenziario.

Come è noto in ogni comunità il linguaggio svolge un ruolo fondamentale, soprattutto per il carcere.
Anche le Regole Penitenziarie Europee prevedono che la vita all'interno del carcere deve essere il più possibile simile a quella esterna e questa "assimilazione" deve comprendere anche il lessico.
I termini attualmente utilizzati nelle carceri riferiti ai detenuti sono spesso avulsi da quelli comunemente adottati dalla collettività ed è causa di una progressiva e deprecabile infantilizzazione, di un isolamento del detenuto dal mondo esterno che crea ulteriori difficoltà per il possibile reinserimento, oltre ad assumere in alcuni casi una connotazione negativa. Prassi errate e terminologie persistenti per talune locuzioni, infatti, alcune anche istituzionalizzate (quali "piantone", "scopino'') o usate nel gergo penitenziario (come "cella", "dama di compagnia''), sono state evidenziate in occasione di alcune visite presso gli istituti penitenziari, svolte dal Comitato Europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti.
I lavori degli Stati generali - Tavolo 2: Vita detentiva. Rsponsabilizzazione del detenuto, circuiti e sicurezza - hanno evidenziato l'uso di una scorretta terminologia utilizzata nel gergo corrente all'interno degli istituti, proponendo l'eliminazione dei termni "infantilizzanti".
Non si può non sottolineare che tali espressioni non sono rispettose delle persone detenute, determinando delle errate considerazioni, oltre ad essere utilizzate con accezione negativa.
In particolare, il termine "cella" non è consono a descrivere la vita detentiva, anche perché già l'ordinamento penitenziario definisce tali ambienti locali di soggiorno o di pernottamento.
Si riportano di seguito le terminologie concordate, per le quali si deve procedere, senza indugio, alla modifica: (Vedi tabella nell'immagine).
Si invitano, pertanto, le SS.LL. a intraprendere tutte le iniziative necessarie al fine di dismettere nelle strutture penitenziarie, da parte di tutto il personale, l'uso sia verbale che scritto, della terminologia infantilizzante e diminuitiva nonché le interlocuzioni orali, soprattutto quelle dirette al detenuto.
Per favorire tale processo di cambiamento si raccomanda una continua attività di impulso, onde garantire la massima sinergia tra tutto il personale delle diverse aree operative e la popolazione ristretta.
Il Servizio Informatico Penitenziario, che legge per conoscenza, avrà cura di provvedere alla modifica della terminologia sopra riportata in tutti i data base relativi alla gestione dei detenuti.


<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari