home | noi | pubblicita | abbonamenti | rubriche | mailing list | archivio | link utili | lavora con noi | contatti

Giovedí, 28/05/2020 - 17:32

 
Menu
home
noi
video
pubblicita
abbonamenti
rubriche
mailing list
archivio
link utili
lavora con noi
contatti
Accesso Utente
Login Password
LOGIN>>

REGISTRATI!

Visualizza tutti i commenti   Scrivi il tuo commento   Invia articolo ad un amico   Stampa questo articolo
<<precedente indice successivo>>
Gennaio/2018 - Interviste
Camorra
La cattura di Zagaria nelle parole del giudice Maresca
di a cura di Francesco Neri

Catello Maresca è entrato giovanissimo nella Direzione distrettuale Antimafia di Napoli. Al giudice abbiamo posto una prima domanda.

Perchè Michele Zagaria era così pericoloso?

Effettivamente alcuni anni fa quando sono entrato nella Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ero piuttosto giovane e ho avuto la fortuna di far parte del gruppo di lavoro dei colleghi che ricercavano Michele Zagaria, che peraltro non era l’unico latitante nella provincia di Caserta inserito nell’elenco dei ricercati più pericolosi d’Italia stilato dal ministero dell’Interno e dalla Criminalpol. Poi i latitanti della provincia di Caserta li abbiamo presi tutti.
Era rimasto solo Michele Zagaria, catturato il 7 dicembre del 2011, un latitante storico, un latitante strutturato, uno di quegli uomini che vivono e impostano la loro vita proprio per sottrarsi alle ricerche della Polizia e dell’Autorità giudiziaria. E questa impostazione di vita gli ha permesso di riuscire a sottrarsi alla cattura per sedici anni. Abbiamo poi organizzato un sistema di ricerca anche abbastanza complicato che ci ha consentito di arrivare al risultato del suo arresto.
La latitanza, come a volte accade per i mafiosi, e in particolare per quelli del clan dei Casalesi di cui ci siamo occupati nel corso di questi anni, ha un valore simbolico. Oltre al dato oggettivo di sottrarsi alla carcerazione, la latitanza serve a costruire una simbologia, una simbologia negativa, del capoclan, gli dà la capacità di diventare quasi una figura mitologica, almeno per coloro che poi devono sottostare alle angherie e alle sopraffazioni dei clan mafiosi.
... [continua]

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA:
ABBONATI A POLIZIA E DEMOCRAZIA

per informazioni chiama il numero verde 800 483 328
oppure il numero 06 66158189

<<precedente indice successivo>>
 
<< indietro

Ricerca articoli
search..>>
VAI>>
 
COLLABORATORI
 
 
SIULP
SILP
 
SILP
SILP
 
 
SILP
 
 
Cittadino Lex
 
Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!
 
 
 
 
 

 

 

 

Sito ottimizzato per browser Internet Explorer 4.0 o superiore

chi siamo | contatti | copyright | credits | privacy policy

PoliziaeDemocrazia.it é una pubblicazione di DDE Editrice P.IVA 01989701006 - dati societari