Roma, 17 settembre 2021 – “Il consistente numero di profughi afghani giunti nel nostro Paese chiama ognuno di noi a fare la sua parte e CONFASSOCIAZIONI non vuole essere da meno. Per questo motivo abbiamo deciso di affiancare il nostro vasto mondo di professionisti e imprese a tutti i soggetti impegnati in questa difficile sfida per costruire percorsi formativi di inserimento di queste persone, con un’attenzione particolare alle donne afgane. Per questo collaboreremo con tutti gli enti interessati, compresa la Croce Rossa Italiana con cui abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa subito prima della pandemia, mettendo a disposizione le diverse competenze delle nostre associazioni al fine di accogliere e formare i profughi”. Lo hanno dichiarato in una nota congiunta il Presidente Nazionale di CONFASSOCIAZIONI Angelo DEIANA e la Vice Presidente Nazionale Federica DE PASQUALE.

“In particolare – ha sottolineato Federica DE PASQUALE che in CONFASSOCIAZIONI ha anche la delega alle pari opportunità e la presidenza della branch Welfare e BES – riteniamo indispensabile fornire il nostro sostegno a tutti quei profughi con maggiori difficoltà che sono riusciti ad arrivare in Italia. Tra queste ci sono sicuramente molte donne e ragazze che in quest’ultimo ventennio, durante il quale si era aperto uno spiraglio di luce, sono riuscite a ricominciare a lavorare e a studiare, sostenendo anche percorsi universitari di sicuro interesse professionale. Sono sicura che tramite la nostra rete possiamo affiancare il loro processo di integrazione avviando, appena possibile, un percorso di collaborazione con i Ministeri degli Esteri, del Lavoro, della Scuola e dell’Università, che abbia come fine l’inserimento lavorativo di queste donne”.

“Da sempre siamo convinti – ha proseguito DE PASQUALE – che l’indipendenza economica oltre a conferire alla donna un maggiore rispetto per sé stessa, le permette di raggiungere quella emancipazione sociale e culturale tanto richiesta nei Paesi occidentali, figuriamoci poi in realtà come l’Afghanistan, in cui ben si conoscono le gravi difficoltà che quotidianamente è costretto ad affrontare il mondo femminile e che, con il ritiro delle truppe USA, sono destinate ad aumentare”.

“Le donne grazie alla loro intelligenza, alla loro capacità di essere multitasking e alla loro unicità – ha concluso il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo DEIANA – sono candidate a tutte gli effetti a dominare sempre più su scala globale. Se su basi teoriche questa crescita è effettiva non lo è ancora pienamente sul fatto pratico.  E la pagina che si è aperta sull’Afghanistan non fa altro che sottolineare fortemente che ritornare indietro e cancellare un ventennio di sviluppo è semplice laddove manca il pensiero valoriale rivolto alla donna. È questo il fattore decisivo che in CONFASSOCIAZIONI è diventato un mantra: favorire il cambiamento di una forma mentis che guarda alle donne con apprezzamento, stima e con il coraggio di lasciare loro spazio nella vita sociale, apicale e non. Da ciò non possiamo permettere che pezzi di storia vengano spazzati via. Non possiamo lasciare sole al loro destino queste donne e le future tali che si sono viste costrette a lasciare le loro radici afgane per avere una vita pensante e libera. CONFASSOCIAZIONI con tutte le sue forze e le sue professionalità è in campo, concretamente e pragmaticamente, per offrire il proprio adeguato sostegno e la propria accoglienza”.

Comunicati Stampa a cura di:Dott.ssa Adriana ApicellaDirettore Generale CONFASSOCIAZIONIemail: UfficioStampa@confassociazioni.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Accettando questo banner acconsenti all’uso dei cookie Privacy & Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi