Reddito di cittadinanza, flat tax, immigrazione. Che tipo di welfare dobbiamo aspettarci dal nuovo governo di (centro)destra? Un confronto tra il modello italiano e quelli adottati dagli altri paesi

    In un “sistema mondo” sempre più complesso e diviso, dove le sfide ambientali ed economiche si scontrano con le nuove tensioni internazionali sparse per il globo, è lecito chiedersi in che misura le scelte politiche sul welfare intacchino o meno la povertà? Il dibattito interno al nostro Paese, la faida tra i pro e i contro il Reddito di cittadinanza ad esempio, è proficuo? Ci aiuta a migliorare?

    L’analisi del recente voto ci racconta di un’Italia divisa in due: al sud, dove i livelli di crescita economica sono più bassi, il reddito di cittadinanza sembra uno strumento fondamentale; al nord è ancora visto come l’ennesimo sussidio e spreco. Forse si parla di un solo aspetto per evitare di affrontare il cuore della discussione. Il sistema di welfare nazionale va rivisto in base alle trasformazioni della nostra società? La nostra Italia è sempre più anziana e ferma su posizioni ideologiche più che utili.

    Lorenzo Baldarelli

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *